Configurations Error(!)

"Papa Francesco ha aperto le sue braccia anche a noi carcerati, anche se non siamo cattolici" commenta un detenuto musulmano.

Il flash mob realizzato dai detenuti del carcere di Ferrara in onore di Papa Francesco e dell'integrazione, sta lanciando un forte messaggio sulla possibilità dell'integrazione: ne stanno parlando i mass media di ogni continente.

Cattolici, Musulmani, Ortodossi, Atei provenienti da tutto il mondo (Sud America, Africa, Europa, Asia), uniti in nome di un Papa che ha la grande capacità di aggregare, di dare la speranza che si possa convivere sotto lo stesso tetto, quello del mondo, nonostante le diversità culturali e di credo religioso.

LE VOCI DEI DETENUTI, LE LORO TESTIMONIANZE:
Detenuto marocchino: https://youtu.be/uwQ29Q4N9U0
Detenuto sudamericano: https://youtu.be/bjt8h0jvFms
Detenuto italiano: https://youtu.be/e_IEZmCZEVo
Detenuto inglese: https://youtu.be/F5ormgqdSsE

Questo è il piccolo miracolo che è avvenuto alla Casa Circondariale maschile Costantino Satta di Ferrara, che si è avvalsa del linguaggio universale di comunicazione che offrono la musica e il ballo e ha visto danzare insieme 70 detenuti, sulle note di "POPE IS POP" di Igor Nogarotto, un'inedita canzone funky scritta per un Papa pop, che l'autore (non credente) definisce una "preghiera laica multietnica".


Il video che racconta il flash mob

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.


Attraverso questa rappresentazione i detenuti hanno manifestato la loro voglia di riscatto, di potersi ricostruire una vita e hanno testimoniato che anche loro, grazie al lavoro trattamentale e pedagogico che la Casa Circondariale attua nei loro confronti (con studio, lavoro, attività socializzanti), una volta pagato il loro "debito", potranno rientrare nella società ed esserne parte attiva e sana.

Si autorizza la divulgazione dei contenuti testuali, fotografici, video
Crediti: foto e video di Tommaso Trombetta
Coreografia flash mob "POPE IS POP": Roberta Micci
Testo e Musica "POPE IS POP": Igor Nogarotto

Info
: igor@samigo.it - 347.9346400




Giovedì 1 dicembre 2016, presso il Teatro della Casa Circondariale Costantino SATTA di Ferrara, dalle ore 10 del mattino, si svolgerà il primo flash mob della storia in un carcere maschile italiano.

Circa 50 detenuti (volontariamente) danzeranno sulle note di "POPE IS POP", brano e flash mob dedicati a Francesco in onore del Giubileo e dell'integrazione.

In questo momento storico di terrorismo e di problematiche legate ad immigrazione ed integrazione, un importante messaggio emerge da questa iniziativa ossia la possibilità della convivenza delle 'diversità' all'interno dello stesso tessuto sociale e della stessa struttura, aspetto umano molto caro a Papa Francesco.

Infatti realizzeranno il flash mob, insieme, detenuti dalle svariate provenienze geografiche e culture come greci, rumeni, marocchini, tunisini, inglesi, italiani... e di religioni differenti ossia cattolici, musulmani, ortodossi.

L'evento si inserisce nell'iter pedagogico trattamentale che la Casa Circondariale Costantino SATTA di Ferrara porta avanti nei confronti dei propri detenuti e "chiude" simbolicamente il Giubileo, facendo seguito al flash mob "POPE IS POP" di apertura del Giubileo stesso che è stato realizzato nella Casa Circondariale Femminile di Rebibbia, a Roma, nell'ottobre 2015.

Prima del flash mob vi sarà la conferenza stampa di presentazione dell'iniziativa alla presenza di coloro che hanno voluto ed organizzano l'evento ossia il Direttore del carcere Paolo Malato, la Vice Comm. Annalisa Gadaleta (Comandante del Reparto), la Dott.ssa Onofri Loredana (Resp. Area Educativa), Igor Nogarotto (autore di "POPE IS POP" e responsabile comunicazione SAMIGO), Roberta Micci (Coach, colei che coordina la coreografia con i detenuti).

Sono invitati a partecipare i mass media (tv, tg, agenzie di stampa, radio, carta stampata, portali web...) che saranno autorizzati a riprese video, foto, a realizzare interviste e a diffondere i contenuti attraverso i propri canali mediatici.

Sono invitate alcune personalità istituzionali e testimonial, nonché Papa Francesco. Forniremo aggiornamenti su tali partecipazioni in itinere.

(Nella foto un'immagine del flash mob realizzato lo scorso 29 ottobre 2015 presso la
Casa Circondariale Femminile di Rebibbia
)

--
Per informazioni, richiesta materiale integrativo e richieste per essere accreditati all'evento contattare: 
Ufficio Stampa SAMIGO
E-mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.  
Tel. 347.9346400 - Fax 06.233220813
Sito ufficiale: http://www.popeispop.it
Facebook: https://www.facebook.com/popeispop
Twitter: https://twitter.com/POPEisPOP



LUCIANO LIGABUE ECCO LA TRACKLIST E LA COVER DI “MADE IN ITALY”
L’ATTESO DISCO DI INEDITI IN USCITA IL 18 NOVEMBRE

DAL 3 FEBBRAIO LIVE IN TUTTA ITALIA CON “MADE IN ITALY - PALASPORT 2017”
oltre 100.000 biglietti venduti e a grande richiesta nuove date


«Ciao a tutti, non so voi ma io ancora non ho smaltito Monza. Non so se è l'età o se è l'effetto del doppio concerto... e nel frattempo ovviamente avete già visto che non vediamo l'ora che venga intanto fine novembre per il Raduno con quelli del barMario e poi l'anno prossimo da febbraio in poi per tutte le date che vi avevo promesso che avremmo fatto. Come vi dicevo, verrò casa per casa, adesso non prendetemi sempre alla lettera, eh? Chiaramente casa per casa non posso, siete un po' troppi però, insomma, molte città faremo e mi sa che non chiuderemo con quelle che avete già visto. Mi sa che ci siano delle possibilità di città anche a maggio che ancora non sono state contemplate. Però nella realtà c'è il fatto che io... allora, "Made In Italy"! Avrete capito insomma quanto sono coinvolto intellettualmente, sentimentalmente, emotivamente con questo progetto qua perché non ce la faccio più a tenerlo stretto, vi faccio sentire le canzoni anche durante i concerti... E adesso è successo che è arrivata la copertina definitiva e io non riesco neanche a tenere stretta questa qua perché il nostro Paolo De Francesco che è chi mi fa le copertine da parecchio tempo, questa volta secondo me ha fatto veramente un capolavoro, perlomeno io lo vedo così e credo che sia una copertina che si abbina molto bene ai contenuti di questo disco. Io lo dico in senso positivo, spero che nessuno lo interpreti in modo negativo. In qualche modo qualche tecnico vi starà facendo vedere o vi farà vedere la copertina così com'è. Non solo la copertina ma visto che ci siamo vi dico anche... ta tac... che nel retro potrete già adesso vedere i titoli delle 14 canzoni che lo compongono che sono:

La Vita Facile;
Mi Chiamano Tutti Riko (chi sarà questo Riko lo scoprirete);
È Venerdì, Non Mi Rompete I Coglioni;
Vittime E Complici;
Meno Male;
G Come Giungla;
Ho Fatto In Tempo Ad Avere Un Futuro;
L'Occhio Del Ciclone;
Quasi Uscito;
Dottoressa;
I Miei Quindici Minuti;
Apperò;
Made In Italy;
Un'Altra Realtà;

Non li ho letti male neanche del tutto, tra l'altro... Una cosa che posso dirvi è che però la storia non finisce qui… Dopodiché più avanti vi spiegherò ancora un po’ meglio il perché. Comunque questo è "Made In Italy", disco fatto e finito perché è fatta e finita anche la copertina come sono fatte e finite le 14 canzoni che lo compongono e che come forse avrete capito già un po' dalle canzoni che vi abbiamo fatto sentire a Monza, nonostante siano canzoni che tutte insieme raccontano una storia, ognuna sta in piedi da sola, quasi tutte stanno in piedi da sole. Alcune fanno un riferimento un po' più specifico alla storia che raccontiamo. A presto, ciao!».

Luciano Ligabue

 

Con queste parole, in un video sulla sua pagina ufficiale facebook, LUCIANO LIGABUE ha svelato la tracklist e la cover di “MADE IN ITALY” (Zoo Aperto/Warner Music), l’atteso ventesimo disco, undicesimo di inediti della sua carriera, in uscita il 18 novembre.

Questo il link per visualizzare il video: http://bit.ly/2ep2urm

Dopo la pubblicazione del disco, Ligabue nel 2017 sarà live nei palasport di tutta Italia! Sono già oltre 100.000 i biglietti venduti per le prime date del “MADE IN ITALY - PALASPORT 2017”, che partirà il 3 febbraio da Roma, in cui il Liga presenterà live i brani contenuti nel nuovo disco “MADE IN ITALY”, oltre ai suoi grandi successi!

Queste le date attualmente confermate del “MADE IN ITALY - PALASPORT 2017”: 3, 4, 6 e 7 febbraio al PalaLottomatica di Roma (NUOVE DATE); 14 e 15 febbraio al Pal’Art Hotel di Acireale – CT (NUOVA DATA); 20 e 21 febbraio al Palasport di Reggio Calabria (NUOVA DATA); 24 e 25 febbraio al PalaFlorio di Bari (NUOVA DATA); 27 febbraio al PalaSele di Eboli; 3 marzo al PalaMaggiò di Caserta; 6 e 7 marzo al PalaEvangelisti di Perugia (NUOVA DATA); 10 marzo al Modigliani Forum di Livorno; 13 e 14 marzo al Mediolanum Forum (Assago) di Milano; 17 marzo al PalaTrieste di Trieste; 20 marzo all’Adriatic Arena di Pesaro; 22 e 23 marzo al Nelson Mandela Forum di Firenze; 28 e 29 marzo al Pala Alpitour di Torino; 1 e 2 aprile alla Fiera di Brescia (NUOVA DATA); 4 e 5 aprile al Mediolanum Forum (Assago) di Milano (NUOVE DATE); al 7 e 8 aprile all’Unipol Arena di Bologna; 10 aprile al 105 Stadium di Rimini; 19 aprile al Palaonda di Bolzano; 21 e 22 aprile all’Arena Spettacoli Fiera di Padova (NUOVA DATA); 24 aprile al Palaprometeo di Ancona.

Vista la grande richiesta da tutte le regioni di Italia gli organizzatori informano che prossimamente saranno inserite in calendario anche date anche in Liguria e Sardegna.

I biglietti per le nuove date del “MADE IN ITALY - PALASPORT 2017” sono già disponibili in prevendita su www.ticketone.it, mentre sarà possibile acquistarli nei punti vendita abituali a partire dalle ore 16.00 di oggi, mercoledì 12 ottobre.

Anche per questo tour gli organizzatori confermano la totale distanza dal "secondary ticketing market", contro cui da sempre sono schierati in prima linea: un mercato di biglietti parallelo a quello autorizzato, fortemente attivo su internet, che offre in vendita biglietti non autorizzati e maggiorati ingiustificatamente per multipli del prezzo ufficiale, alimentando un vero e proprio mercato parallelo ed oneroso a danno del consumatore. Claudio Maioli (Riservarossa) e Ferdinando Salzano (F&P Group) invitano il pubblico a non acquistare biglietti fuori dai circuiti di vendita autorizzati per evitare l’elevato rischio di incorrere in prezzi maggiorati, biglietti falsi e non validi e per evitare di alimentare questa annosa piaga che crea un grosso disagio al pubblico e alla musica dal vivo. Gli organizzatori si riservano il diritto di negare l’ingresso all'evento ai possessori di biglietti che, a loro insindacabile giudizio, saranno considerati di provenienza da rivenditori non autorizzati o comunque irregolari ed il possessore del titolo d'accesso irregolare potrà essere denunciato alle Autorità competenti per incauto acquisto o truffa ai danni del circuito di vendita e dell'Organizzatore dell’evento. Si ricorda che la legge punisce i fabbricanti ed i venditori di biglietti falsi.

F&P Group pubblica e aggiorna costantemente (su www.fepgroup.it) la black list dei siti non autorizzati alla vendita informando il pubblico di non acquistare i biglietti sui quei siti.

“MADE IN ITALY - PALASPORT 2017” è prodotto e organizzato da Riservarossa e F&P Group

È disponibile in tutte le librerie “SCUSATE IL DISORDINE” (Einaudi), la nuova raccolta di racconti di Ligabue. Nei 16 folgoranti e misteriosi racconti, sono l’amore, il sesso e la musica a fare da filo conduttore in ogni storia. Così diversi gli uni dagli altri, ma allo stesso tempo così inseparabili, ognuno dei racconti è come una scoperta, un’epifania di quel mistero che è la magia del quotidiano.

http://www.ligabue.comhttp://barmario.ligabue.com
http://www.facebook.com/Ligabue
http://twitter.com/Ligabue
http://instagram.com/Ligabue_official
http://www.youtube.com/ligabue
http://www.fepgroup.it
http://www.warnermusic.it - http://www.facebook.com/warnermusicitaly

Responsabile Comunicazione LIGABUE: Riccardo Vitanza
Ufficio Stampa Ligabue: Parole & Dintorni (Valentina Aiuto)
Responsabile Comunicazione F&P Group: Veronica Corno
Ufficio Promozione F&P Group: Francesco Colombo – Francesco Negroni
Ufficio Promozione Warner Music: Massimo Recine (Milano) / Laura Garzia (Roma)



Non è forse vero che i Tg danno molto più spazio ed importanza a "Chi" ha rivendicato l'attentato rispetto a chi ha subito le conseguenze dell'attentato stesso?

Il "fascino" di trasmissioni come "Chi l'ha visto" non risiede forse nel tracciare il profilo e la storia pregressa della persona scomparsa più che nel ri-trovarla? Una volta tornata alla luce (viva o morta, chissenefrega), non interessa più a nessuno: fine della trasmissione.

Sì, "FINE", proprio come in un film. Perché la 'realtà' odierna è molto più cinematografica che realistica: ci soffermiamo più sulla CAUSA di un dato evento che sull'EFFETTO che può causare il fatto accaduto. E quel "FINE" non va interpretato all'inglese come "bene, buono" né tantomeno all'italiana come qualcosa di sottile e gentile, perché invece è brutale sipario, si va a nero, non si fa più audience.

E' il fine che giustifica i mezzi.

Ho visto giornalisti scannarsi per aver ragione e riguardare al rallentatore 10 volte la stessa azione, in 10 angolazioni differenti e il tutto per definire se l'azione si fosse svolta o meno in modo regolare, se ci fosse o meno il fuorigioco: ma il fatto è che il calciatore in questione, ben prima che l'arbitro fischiasse (quindi pensando di essere regolarmente in gioco), aveva già scagliato la palla in curva.
Ma il focus della trasmissione è incomprensibilmente incentrato sul capire se fosse o meno in posizione regolare, come se non contasse nulla il fatto che non avrebbe comunque fatto gol: una perdita di tempo inutile, inconcludente, basata sulla determinazione di un elemento irrilevante.

E questa tendenza ad analizzare/criticare gli eventi, più che ad osservarne concretamente i risvolti (per poi trovare soluzioni), "grazie" al bombardamento mediatico sensazionalista a cui siamo sottoposti (tra Buona domenica, Porta a porta, Quarto Grado, Quinta Colonna, ecc... oltre a Tg e reality vari), si è diffusa ed insediata in ogni ambito, dalla politica all'informazione, influenzando anche le nostre abitudini quotidiane, ahimè, fino a contaminare le relazioni di coppia.

Non vi capita mai di litigare con il/la partner per definire chi avesse ragione, per poi rendervi conto che al fine del raggiungimento dell'obiettivo concreto la discussione si poteva evitare perché era del tutto inutile?

Non capita mai che acquistiamo prodotti perché ci hanno suggestionato sul 'come' li hanno creati e quindi ci concentriamo più sulla loro "provenienza" che non sui loro effettivi benefìci?

Tornando all'ambito mediatico, è vero che è funzionale studiare e capire l'identikit del nemico, per riuscire a "prevenirlo" in futuro, ma io vorrei avere più informazioni delle 300 persone massacrate, che non sapere vita, morti e miracoli del terrorista.
Invece rivediamo ossessivamente le immagini di quello che è successo 10.000 volte, ascoltiamo le testimonianze di chi ha assistito ed i commenti di esperti che lì nemmeno c'erano.

La "Moviola" viene inventata negli USA nel 1917: è un proiettore cinematografico per la visione di filmati in fase di montaggio. Poi il suo significato si estende ed alla fine degli anni '80 anche lo Zingarelli si aggiorna inserendo la nuova voce "trasmissione televisiva che, specialmente per gli incontri di calcio, permette di vedere lentamente e con frequenti ripetizioni una data azione". Il tutto è attribuito al suo "inventore", in ambito sportivo, il giornalista Carlo Sassi.

Io ri-aggiornerei lo Zingarelli con la nuova voce "voyeurismo mediatico inconcludente e dannoso per la salute propria e delle relazioni".


Igor Nogarotto

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
FB: https://www.facebook.com/profile.php?id=100010034592111




Altri articoli...

Pagina 4 di 62

4

Ci piace Samigo!



Brani inediti per Interpreti, richiedi informazioni

Vendita immobile zona LANGHE (Piemonte)

NINNA NONNA, la canzone dei Nonni

Il best seller "Volevo uccidere Gianni Morandi"

Italia vaffanculo



POPE is POP - New SAMIGO Production



Area riservata